Sezioni

domenica 25 marzo 2012

ALBANO: ANDREASSI SUL NODO INCENERITORE - La Redazione

La sentenza del Consiglio di Stato sull’Inceneritore di Roncigliano, anche se anticipata dal Ministro Clini, ha spiazzato un po’ tutti. Da quando è uscita si è scatenato un putiferio di dichiarazioni, attribuzioni di colpa, proclami e rimpianti. Luca Andreassi è l’incaricato del sindaco di Albano per i rifiuti. Con lui abbiamo provato a fare un po’ di chiarezza sulla questione inceneritore.

Consigliere, come commenta questa sentenza? 

Una sentenza assurda che significa far west. Ha ribaltato la decisione del TAR e consente, di fatto, la realizzazione dell'inceneritore ma, allo stesso tempo, blocca il finanziamento CIP6 all'opera.
E fa questo non riconoscendo al TAR la competenza di esprimersi su questi temi.  La sentenza e tutto quello che è accaduto dimostra che non si è più proprietari nemmeno del proprio territorio


Sembra di capire che in futuro questa sentenza potrebbe rivalersi anche su altri territori?

D’ora in poi ogni Regione potrà fare quello che vuole: è sufficiente dimostrare di essere in regime emergenziale. Questo non solo è folle ma costituisce un precedente pericoloso. 

Che cosa avete intenzione di fare, come comune di Albano?

Noi andremo avanti convocando immediatamente il tavolo dei sindaci e stabilendo le procedure per il ricorso alla Corte Europea. Stiamo ragionando su un'assemblea pubblica da fare dopo la conferenza coi sindaci. Non è finita. Non ci arrendiamo. E' la mia priorità assoluta come delegato ai rifiuti.

Con questa sentenza si bloccherà anche la strada che porta alla raccolta differenziata?

No, al contrario, continueremo con ancora maggiore energia ad investire nel progetto della raccolta differenziata (che partirà ad ottobre) che riteniamo essere l'unico strumento per ovviare alla costruzione di inutili e nocivi impianti. 

Forse se fosse partita prima, si sarebbe potuto evitare la costruzione del termovalorizzatore...

Sfatiamo il luogo comune che se i comuni dei Castelli avessero fatto la raccolta differenziata, l'inceneritore sarebbe stato bloccato. L'inceneritore è l'inceneritore di Roma e serve a risolvere i problemi di Roma.

Sembra di percepire una certa critica a come viene condotta la politica di Roma nei confronti delle aree circostanti.

Roma è Roma Capitale quando si tratta di prendere i finanziamenti statali. Diventa Area Metropolitana quando si tratta di scaricare in Provincia campi nomadi, discariche ed inceneritori. L'impegno per la differenziata porta a porta non solo non si indebolirà ma trarrà un'energia ancora maggiore da questa vicenda incresciosa.

In questo momento più che mai è necessaria la domanda delle domande, perché non è giusto fare di tutta l’erba un fascio. E’ giusto distinguere, è giusto attribuire le responsabilità. Chi ha voluto l’Inceneritore di Albano e soprattutto ad Albano?

Oggi sono tutti contrari. Ma l'ubicazione dell'inceneritore ad Albano nasce a seguito di una proposta dell'allora Sindaco di Albano Marco Mattei all'allora Presidentre della Regione Lazio Pietro Marrazzo per la realizzazione di un impianto autoctono per i Castelli. 

Allora ce n’era necessità?

L’impianto come detto da tutti era senza senso economicamente parlando, quindi il Sindaco Mattei mentiva sapendo di mentire. In questo modo però ha dato la possibilità ad un imbarazzato Marrazzo di risolvere un problema enorme che aveva. L’ex presidente della Regione si è detto: “Se addirittura è dal territorio mi chiedono di fare l'inceneritore, perché negarglielo?”

12 commenti:

  1. caro Andreassi menti sapendo di mentire spieghi che non c'è più il controllo del territorio con questa sentenza e dai la colpa a Mattei, mentre il tuo sindaco allora all' opposizione si metteva d'accordo con i suoi referenti politici regionali x dividersi la torta .Tutti ricordano la famosa coda alla vaccinara sulla trasmissione di rai 3 ti inventi anche una difesa vergognosa nei confronti del povero Marazzo che inbarazzato risolveva il suo problema facendo contento Mattei. Dire che sei vergognoso è farti un complimento. Perchè non ti attivi nel tuo grande partito e fai una battaglia a tutti i livelli cominciando dalla regione ,forse perchè si stanno dividendo la torta e a te non ti hanno chiamato e ti fanno olmo ,è per questo che fai il finto ambientalista inca....to riprova sarai più furtunato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Luca Andreassi leggo con stupore le tue dichiarazioni sul mio presunto coinvolgimento nella localizzazione del gassificatore ad Albano. Se non ricordo male dal 2005 al 2010 hai ricoperto la carica di Presidente della Circoscrizione Albano Centro, eletto nella mia coalizione nelle liste di Alleanza Nazionale. Se non erro eri presente e consapevole quando come coalizione votammo in consiglio comunale la mozione contro il gassificatore. Se non erro eri perfettamente a conoscenza che la volontà di posizionare il gassificatore ad albano era della maggioranza di centrosinistra regionale e di Marrazzo come commissario in particolare. Eri perfettamente a conoscenza che è stata la mia giunta di Albano a fare il ricorso al TAR che in prima istanza ha bloccato il gassificatore e che avete spacciato per una vostra vittoria. Allora spiega ai cittadini perché, dopo aver sostenuto nelle ultime elezioni chi ha voluto il gassificatore, dopo aver taciuto per i 5 anni precedenti quando militavi con me nel centrodestra, oggi per giustificare i tuoi errori politici tiri in ballo me come colui che ha deciso insieme a Marrazzo questa vicenda. Caro Luca le cose sono due o hai perso la memoria oppure menti sapendo di mentire. cordialmente

      Elimina
    2. perchè non rispondi a Mattei ????? Finto e bugiardo

      Elimina
  2. Luca Andreassi26 marzo 2012 10:01

    Caro Anonimo intanto complimenti per il tuo coraggio. Guarda che puoi esprimere le tue opinioni, sbagliate ma legittime, anche firmandoti. Provo a chiarire un paio di aspetti che mi sembrano siano un po' confusi nella tua anonima mente.
    1. Non sono un ambientalista. Non lo sono mai stato. Sono uno che ha a cuore l'ambiente, in particolare l'ambiente della propria città. Per la tutela del quale spendo molte ore al giorno. Al di là del mio ruolo politico.
    2. Sono convinto che l'inceneritore sia stato un pasticcio trasversale a livello regionale che ha coinvolto tutti i partiti.
    3. Non difendo Marrazzo. Ci mancherebbe altro. Dico che Marrazzo, commissario per i rifiuti, decide di fare un inceneritore, non sa dove posizionarlo e mentre sbatte da una porta ad una finestra arriva, guarda un po', una bella letterina del Sindaco di Albano che si offre volontario. Se lei, sig. Anonimo, fosse stato Marrazzo, dove lo avrebbe posizionato l'inceneritore???
    4. Questo finto ambientalista, come mi chiama lei, è incazzato per l'assurdità di una sentenza che continuerà a combattere a tutti i livelli, fino alla corte europea dove presenteremo ricorso.
    Buona giornata
    Luca Andreassi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una lotta comune che interessa tutti i cittadini, che non ha colore politico. Il mio totale appoggio e impegno personale ed anche del MPA di Albano a fianco dell'amministrazione e del No Inc contro la costruzione dell'inceneritore. Vada avanti consigliere Andreassi..........questi anonimi sappiamo chi sono e cosa vorrebbero (anonimi poi non lo sono)ma noi non gli permetteremo che il loro disegno vada in porto.

      Elimina
    2. perchè non rispondi a Mattei ????? Finto e bugiardo

      Elimina
  3. caro claudio perchè invece di riempirti la bocca di stro....te non fai qualcosa con il tuo partito non fai scendere in piaza con noi i tuoi regionali i tuoi deputatati per la causa dell'inceneritore tu e luca andressi vendete tanto fumo FATE SCHIFO TUTTI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto i miei "deputatati" non hanno MAI aderito alla costruzione degli inceneritori, sempre contrari, tanto è vero che in Sicilia, il MIO Presidente ha bloccato tutto cio' che riguardava la costruzione degli inceneritori, e di questo ne vado fiero! Prima di sputare su me e Andreassi, lavati la bocca perchè lo schifo lo stai vomitando tu mio caro ennesimo CODARDO anonimo, che non hai le palle per dichiarare apertamente con nome e cognome chi sei! Stop!

      Elimina
  4. FAI schifo tu e tutti i politici scommetto che nella tua vita non hai mai fatto un cazzzzzzzzzzzo vai a lavorare

    RispondiElimina
  5. RINVIO A GIUDIZIO PER RAFFAELE LOMBARDO PROPRIETARIO DEL FAMOSO PARTITO DI CLAUDIO TORNI M.P.A ACCUSATO DI CONCORSO ESTERNO IN ASSOCIAZIONE MAFIOSA MESSAGERO 30-03-2012 Sicilia, il MIO Presidente ha bloccato tutto cio' che riguardava la costruzione degli inceneritori, e di questo ne vado fiero! FIERO DEL TUO PRESIDENTE MAFIOSO ?????? LAVATI TU LA BOCCA E NON SOLO QUELLA CON LACIDO PRIMA DI PARLARE CARO CLAUDIO TORNI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CODARDIA, CODARDO: persona estremamente paurosa che non affronta ciò che lo spaventa.
      (araldica) attributo araldico che si applica al leone la cui coda è rivolta in basso e passata tra le zampe; è marchio di infamia. Originariamente era riferito al comportamento dei soldati paurosi che rimanevano in coda alla fila o nelle retrovie.
      Codardo, vile, vigliacco, pusillanime che è senza coraggio.

      COSI SONO TUTTE LE PERSONE ANONIME CHE NON SI FIRMANO!

      Elimina
  6. rimane il fatto caro coraggioso che fai finta di nulla sarai mafioso pure tu ????? tu anima candida che invochi spesso il tuo Dio impropriamente perchè non prendi le distanze dal tuo padrone sei un vigliacco con poca stima anonimo

    RispondiElimina